vERsO

Opera prima e spettacolo

di Elsa Martin

 

Uno spettacolo di musica, immagini e narrazione per presentare la sua opera prima , il cd vERsO, in cui la cantautrice Elsa Martin esprime l’intenso e complesso mondo friulano di oggi come sintesi fra tradizione e innovazione.

 

Sold out per lo spettacolo presentato lo scorso 19 maggio alle ore 20 e 45 al Teatro San Giorgio di Udine,  evento in cui Elsa Martin ha portato in scena queste due anime che si intrecciano nel suo universo artistico grazie alle doti sia di straordinaria interprete, sia di autrice. L’evento è stato organizzato e voluto insieme alla cantautrice dall’associazione culturale “La grame”, che da anni si occupa della valorizzazione e diffusione della cultura e della lingua friulana. A tenere il filo del racconto, l’inviato e conduttore del Tg2 Sandro Petrone, ideatore di “Ambasciatori in musica”, il progetto nato per inviare i musicisti di qualità a rappresentare la cultura italiana all’estero e nel quale la cantautrice friulana è coinvolta in rappresentanza del Friuli Venezia Giulia.

 

I 13 brani del cd, sei della tradizione, sei originali e una  cover come ghost track, si trasformano in spettacolo “multiarte”, dall’omonimo titolo vERsO,  progettato assieme al chitarrista, compositore ed arrangiatore Marco Bianchi, e rappresentato con l’intervento  di diversi artisti, come Lucia Clonfero al violino, Luigi Vitale al vibrafono,  Marco Privato  al contrabbasso ed Emanuel Donadelli alla batteria.

Musica e immagini che si alterneranno a momenti teatrali, grazie alla voce narrante dell’attore Alessandro Mistichelli . Dei sei brani della tradizione presenti nel cd vERsO, tre sono riletti e interpretati da Elsa Martin in base a un’attenta considerazione sulla loro origine ed evoluzione.  Gli altri tre vengono cantati da un trio femminile di canto spontaneo, il Trio vocale di Givigliana.

I sei brani originali in friulano ed italiano invece, sono stati composti da Elsa Martin, assieme a Stefano Montello (testi) e Marco Bianchi (arrangiamenti). Vi è infine una cover, la Ninna Nanna di Bruno Lauzi, omaggio al grande cantautore italiano.

Tradizione e innovazione convivono e dialogano: la prima diviene punto di partenza, radici profonde, materiale ricco a cui tornare con sguardo ed orecchie attenti, poiché solo la propria lingua d’origine è in grado di tradurre certi sentimenti e stati d’animo profondi. La seconda rappresenta il verso, la direzione da intraprendere, facendo tesoro di ciò che siamo stati: ecco il perchè del titolo “vERsO”, termine che racchiude il verbo “ero”, chiaro riferimento al passato, ma che nel complesso significa direzione, orientamento, tensione.

 

Le tracce del cd “vERsO”, sono state prodotte da Alberto Roveroni ed Effettonote di Milano e registrate presso  Effettonote (MI), Chelalè (UD) e Qrecording studio (MI). In esse passato e presente rivivono e convivono, generazioni musicali differenti si sorridono e la storia continua. Si racconta ciò che si era, ciò che si è, ciò che si vorrebbe diventare: tensione vibrante, vERsO.

11 Comments

  1. Iole Pippo
    January 23, 2013

    Bellissima voce e personalità, complimenti, sentita su Radio3, molti auguri !!!

    Interessante rendere viva nella canzone una lingua così complessa (la parlava mia madre, friulana di Udine) senza scadere nel chiuso e patetico piccolo mondo, brava!

    Reply
  2. elsute
    January 28, 2013

    Grazie di cuore…è una lingua densa di bellezza e memorie. Ogni bene. Elsa

    Reply
  3. maurizio blatto
    January 31, 2013

    Buongiorno,
    Backdoor, negozio di dischi di Torino. Un nostro cliente vorrebbe il cd Verso
    da chi è distribuito?
    Possiamo comprarlo direttamente da voi?
    Grazie
    Maurizio

    Reply
  4. Brunella
    March 24, 2013

    Ho sentito Dentrifur a Radiotre (Alza il volume), non ho realizzato subito che la lingua fosse friulana, poi è stata una grande gioia riconoscerla dentro una voce che mi ha ricordato grandi folksinger. In quel brano di Elsa Martin, che poi ho cercato in rete e riascoltato, ho trovato più ironia, delicatezza e una forza tenace. Sono davvero ammirata.

    Reply
    • elsute
      March 26, 2013

      Grazie gentile Brunella. Sono davvero lusingata nel leggere le sue parole. Le auguro ogni bene. Elsa

      Reply
  5. Gigi
    June 8, 2013

    Complimenti Elsa!!!

    ho assistito al bellissimo concerto al teatro San Giorgio…devo dire che tu e Marco avete avuto il coraggio di affrontare un percorso difficile che solo chi ha grandi motivazioni (supportate da grandi qualità) può sognare di intraprendere…e può soprattutto realizzare!!!
    Vi ammiro

    Reply
    • elsute
      June 19, 2013

      Grazie Gigi! Hey ma arrivi con un anno in ritardo però! :) Apprezzo il tuo commento e non poso che esser contenta per quello che mi dici. Spero di incontrarti prima o poi. Un abbraccio grande. Elsa

      Reply
  6. Marco Biasetti
    September 30, 2013

    Gran bel lavoro Elsa.
    La musica oltre che essere bella deve trasmettere emozioni. Ascolto il tuo album quando ho bisogno di una coccola perchè le sonorità sono avvolgenti, pulite e ben realizzate. La voce presente decisamente credibile e naturale; ovviamente non comprendendo del tutto il friulano mi risulta difficile capire i testi ma quelli in italiano rendi esattamente ciò che canti.
    Bravo Marco Bianchi, gli arrangiamenti sono davvero belli, D’altronde la classe di un bravo musicista si vede nella pulizia del suono e delle intenzioni e soprattutto l’attenzione ai particolari.
    Auguro che il vostro progetto arrivi molto lontano e ci possiate regalare nuove emozioni presto.
    In bocca al lupo.
    Marco

    Reply
    • elsute
      October 11, 2013

      Grazie Marco! Le tue parole accarezzano il cuore. Ti vogliamo bene. A presto. Un abbraccio forte

      Reply
  7. Umberto Fracassi
    June 4, 2014

    Cara Elsa, caro Marco,

    vi ho ascoltati questa domenica a Sarzana, ma purtroppo solo per poco tempo, un paio di brani, perché dovevo prendere il treno. Mi dispiaceva moltissimo non poter proseguire perché, come tutti, sono stato rapito dalla voce e catturato dalla chitarra.
    La tua voce, mi pare solare, è veramente splendida, fai un uso vellutato delle tue possibilità e ci sento molto amore per quel che canti, che cerchi e che racconti. Splendido passare da un idioma all’altro, si sente il tanto lavoro.
    Da chitarrista, della chitarra di Marco non posso che pensare ogni bene, data la dedizione e la forza con cui sostiene le tue avventure vocali; si vedeva che c’era “voglia di suonare” e questo ha sortito il suo effetto tra il pubblico. Quel “Bravi!” a fine esecuzione del brano in sardo (non ricordo il titolo) era il mio :-)
    Tante belle cose e.. dove si trova il disco?
    Umberto

    Reply
    • elsute
      June 4, 2014

      Grazie di cuore Umberto per le bellissime parole! Speriamo ci siano altre occasioni di incontro! Ogni bene.

      Reply

Leave a Reply